Logo Medhelan

Sportwear made in Italy

europei 2016

28 06 2016

Forse non spetta a chi è nato negli anni Ottanta eleggere il più grande calciatore europeo del secolo scorso, noi però abbiamo il vantaggio di conoscere un pezzo in più della storia. Nick Hornby ha dato una geniale definizione della rivoluzione olandese nel football: il postmoderno applicato al calcio. L’epoca postmoderna è stata anche quella della vita media che si alza in maniera inquietante, dello strazio ad uso e consumo dei mass media, dell’homo technologicus. La morte di Johan Cruijff, allora, sembra venire da un altro tempo. Nessuna agonia raccontata per filo e per segno dai tabloid o su internet: un brutto giorno abbiamo saputo che se n’è andato. E che è morto a nemmeno settant’anni. Se scrivete “Cruijff” su word, lo sto sperimentando ora, il programma segnala che avete commesso un errore ortografico. Paradossi della tecnologia: non riconoscere il calciatore moderno per eccellenza! Nel compiangerlo, tutti hanno ricordato come sia stato lui a cambiare più di ogni altro grammatica e categorie del football. Dal calcio totale al tiki-taka, ogni novità è passata per la sua testa e per i suoi piedi. Ma farne un maestro alla portata di tutti è una forzatura. Quel numero 14 era un eremita che sapeva abitare una metropoli. Qualcuno ha intelligentemente notato che, a differenza di altri grandi campioni più agée di lui, Johan Cruijff non può essere compreso limitandosi a guardare su youtube i video delle sue migliori giocate. I contenitori dell’oggi non sanno contenere chi aveva precorso il nostro presente? Il punto è che un eremita, quando muore, ci lascia l’esempio, dei devoti, quasi mai un’autentica discendenza. Fare di Cruijff il padre di un’epoca vuol dire accreditargli troppi figli incerti. È l’epoca che si è appropriata di lui come ci si getta su di un tesoro: e ha fatto bene. Noi che siamo nati un attimo dopo non potremo mai godercelo fino in fondo, però abbiamo più elementi a disposizione per apprezzarne la grandezza.

 

Michele Castelli

 

Gianluigi Marabotti

 

Re:

22 07 2016

I love the question: What is it that drives you to constantly keep making? and his response: Mortality. Such a simplistic response, but I felt a lightbulb going on in my head. Speed is so relative to an artist since most of the time we;&1287#re creating things in our head even if the work is not birthed in a tangible way. The clock really is the thing that drives me most days. If I don’t get it out now – I may never. Great post John.

Re:

23 07 2016

Good to see a -a href="vcewvs.com"-talnet-/a- at work. I can't match that.

Re:

24 07 2016

I've been lokniog for a post like this forever (and a day) fytbralpqt.com [url=juphwq.com]juphwq[/url] [link=pkwaeyws.com]pkwaeyws[/link]

Re:

24 07 2016

There's a terrific amount of -a href="tyvcvm.com"-kndwoelge-/a- in this article!

Re:

25 07 2016

Last one to utlizie this is a rotten egg! cywjbr.com [url=bifnxp.com]bifnxp[/url] [link=zlorzqgumkq.com]zlorzqgumkq[/link]

aggiungi un tuo commento

Archivio

Set 2019 (13 articoli)
Ago 2019 (1 articolo)
Set 2018 (1 articolo)
Mar 2018 (247 articoli)
Ott 2016 (3 articoli)
Lug 2016 (1 articolo)
Giu 2016 (2 articoli)
Mag 2016 (3 articoli)